Padre Sosa allo Xavier Network: «La solidarietà sia trasparente»

(fonte: sito magis,gesuiti.it)

Una solidarietà che adotti metodi trasparenti. Una riconciliazione che affondi le radici nella giustizia. Un discernimento che porti a una conversione personale, delle comunità e delle istituzioni. È il messaggio che Arturo Sosa Abascal, Padre generale dei gesuiti ha affidato allo Xavier Network, la rete di 13 associazioni di Europa, Canada e Australia legate della Compagnia di Gesù, riunito nei giorni scorsi a Roma.

Padre Sosa Abascal ha ricevuto i responsabili dello Xavier Network in un in un incontro privato nella Sala della Consulta nella Curia generalizia in Borgo Santo Spirito. «Incoraggio il lavoro dello Xarier Network – ha detto padre Sosa Abascal -. Un impegno che deve muoversi nel solco dalla 36esima Congregazione generale che ha ribadito i quattro pilastri dell’azione dei gesuiti: missione, discernimento, collaborazione e riconciliazione».

Auspicando una maggiore collaborazione a tutti i livelli, il Padre generale ha sottolineato come non debba parlare di missione della Compagnia, ma di missione della Compagnia all’interno della missione della Chiesa.

«Di fronte alla crisi, sociale, spirituale, politica – ha continuato -, il discernimento profondo deve determinare una conversione personale, delle comunità, delle istituzioni. In questo contesto, la trasformazione delle culture può generarsi solo in collaborazione. Va sempre tenuto presente che la giustizia è condizione per la riconciliazione e quest’ultima non può realizzarsi in altro modo».

Padre Sosa Abascal ha posto anche un forte accento anche sulla necessità che la solidarietà sia amministrata in modo trasparente. Uno stile che deve contraddistinguere le organizzazioni dello Xavier Network perché solo attraverso la trasparenza e la buona gestione delle risorse è possibile essere buoni strumenti di giustizia.