Homo homini virus?

Da Ex-News 02-2020, Bruno Goatelli e Ettore Moretti (gruppo Leone Lavoro) si interrogano su cosa il Covid lascerà

(fonte Ex-News 02-2020)

Nell’intervista riportata sul Corriere della Sera del 26 maggio 2020, Matthieu Pigasse, protagonista francese della finanza mondiale, dice che le prime vittime del Covid “sono gli anziani, le seconde sono i giovani che saranno colpiti e penalizzati in modo durevole tramite lo stato attuale del sistema educativo, il mercato del lavoro, il peso del debito”.

Questa affermazione appare purtroppo molto realistica date le conseguenze di questa terribile pandemia già ora presenti nell’ambito scolastico e lavorativo.

E appare anche facilmente proiettabile nel nostro futuro, almeno nel breve/medio periodo.

L’argomento merita – secondo noi di Leone Lavoro – un approfondimento che tenteremo di attuare, entro l’autunno se possibile, tramite incontri e/o interviste con qualificati “specialisti” sulle tematiche del lavoro (senza trascurare peraltro i risvolti filosofici e sociologici che caratterizzano il cambiamento in atto, rispetto anche alla categoria del “bene comune” e alla necessità di evitare che lo smarrimento generale ci trasformi tutti in “virus” per il nostro stesso prossimo).

Vorremmo portare genitori, allievi e Ex-Alunni (nonché i professori che fossero disponibili) ad una riflessione sull’argomento, in una visione tentativamente a 360 gradi e quindi con massima aper tura per le diverse opinioni.

C’è chi, ad esempio, ritiene ancora oggi fondamentale, nella formazione dei giovani, la componente rappresentata dalle materie umanistiche (E. Galli della Loggia).

Altri sottolineano come dalla attuale crisi giunga una evidente spinta per scienza e tecnologia (Ferruccio Resta, rettore del Politecnico).

Ma la domanda vera può essere: è vero che dobbiamo abituarci alla idea di un “dopo” molto diverso dal nostro ieri (perché l’oggi quasi non esiste), rispetto ai percorsi scolastici, lavorativi, sociali? E come costruire eventualmente questo “dopo”?

Fateci sapere intanto il vostro parere in merito, mandando una mail a ettore.moretti7@gmail.com e a b.goatelli@tiscali.it.

Vi terremo ovviamente informati con adeguato anticipo sugli sviluppi dell’iniziativa e, nel frattempo, auguriamo buona estate a tutti!

Bruno Goatelli e Ettore Moretti