20 anni dell’Associazione Culturale

Da Tuttoleone 02-2021, il racconto dei 20 anni dell’Associazione Culturale Leone XIII, nelle parole di Mariacarla Ferrari Parati, Mariella Malaspina, Carlo Strati

Entrando in Istituto dall’ingresso principale, a sinistra, trovate la segreteria dell’Associazione Culturale, con il sig. Edison Kumllaku, e lo studio dove ogni giorno è presente la prof.ssa Mariella Malaspina.

Appesi su una bacheca, gli avvisi delle principali iniziative in corso: è un invito a venirci a trovare, ma molte delle nostre iniziative sono presenti anche sul libretto di programmazione annuale e attraverso i canali online d’Istituto.

A giugno compiamo 20 anni.

Prospettata negli anni precedenti da p. Franco Guerello SJ, l’Associazione è nata nel 2001, promossa dall’allora Rettore, p. Gaetano Bisol SJ, sostenuta dalla Direzione e dall’impegno dei Soci Fondatori, un piccolo gruppo di docenti e genitori disponibili a riordinare una serie di iniziative extracurriculari già esistenti e a progettarne altre.

Le iniziative sono rivolte a studenti, famiglie, Ex-Alunni e talvolta anche ad esterni. Negli anni siamo cresciuti e abbiamo cercato di rispondere alle richieste del nostro “pubblico” e anche ai cambiamenti dei ragazzi stessi, della scuola, dei tempi.

Le nostre iniziative comprendono corsi di lingue straniere, di musica, di teatro, di arte, di scacchi, di informatica; studio assistito e preparazione a test per l’Università; il camp estivo alla fine dell’anno scolastico; iniziative di un giorno, come visite a musei, mostre cittadine e ancora concerti o spettacoli teatrali e infine viaggi in Italia e all’estero. I nostri docenti sono sia professori della scuola, sia professionisti esterni.

Siamo un’associazione senza fini di lucro e, anche in questo ultimo anno – sicuramente difficile e con le attività condizionate dalla pandemia – siamo riusciti comunque a devolvere una piccola cifra in beneficenza.

Come Presidente dell’Associazione Culturale ormai da parecchi anni, con piacere e gratitudine lascio ad alcuni soci la parola sulla nostra bella esperienza e poi… spazio alle immagini!

Mariacarla Ferrari Parati

Tramonto in Sicilia occidentale (foto S. Ruzzenenti)

Ho da sempre nutrito tre forti passioni: l’interesse verso la cultura per me e per gli altri, l’educazione attraverso l’insegnamento e le relazioni interpersonali.

L’Associazione Culturale, dopo l’iniziale salto nel buio – anche se sostenuto dalla sincera amicizia dei Soci Fondatori –, ha rappresentato per me la realizzazione di tutto ciò.

Questi 20 anni hanno segnato la riscoperta e l’approfondimento di ambiti precedentemente sfiorati sempre troppo di fretta: la gioia di visite guidate distese ad una mostra, l’attrattiva per gli spettacoli scaligeri gustati insieme a tanti amici, il piacere di numerosi viaggi verso Paesi, già visti o conosciuti per la prima volta, con gruppi affiatati, sempre vecchi e nuovi.

Tuttavia, l’esperienza forse più coinvolgente ed inaspettata è stata la rete di relazioni strette e via via ampliatesi con giovani e soprattutto con meno giovani. Noi viviamo di presenze reali, ma purtroppo la vita con le sue ineliminabili esigenze ci porta spesso su vie divergenti.

Ritrovare Ex-Alunni e i loro genitori (ora sovente nonni di attuali alunni) e conoscere famiglie recentemente arrivate nella nostra scuola, condividendo con tutti loro momenti di spensieratezza e di arricchimento per lo spirito, è una occasione che mi stupisce ogni volta.

Ci si rivede come amici di vecchia data, si mescolano ricordi e sentimenti presenti, si allarga la cerchia delle conoscenze… Ecco, anche questo è l’Associazione Culturale.

E spero che non si tratti solo dell’impressione di una “inguaribile appassionata” di scuola, affettivamente legata a quell’Istituto Leone XIII cui è intestata l’Associazione e dove è felice di poter lavorare ancora dopo 52 anni di presenza a vario titolo.

Un grazie particolare e caloroso a tanti. No, anzi, a tutti!

Mariella Malaspina

Opera House a Muscat (foto C. Passadore)

La Presidente ha già presentato, con la consueta delicatezza e modestia, in poche parole, le finalità per le quali, vent’anni fa, nasceva la “nostra” Associazione: in primo luogo come supporto alla Scuola, per organizzare al meglio alcune iniziative parallele, già in atto ma da coordinare (lo studio assistito, per esempio); in secondo luogo per cercare di offrire ulteriori elementi e iniziative, complementari alla Scuola stessa, che ne ampliassero lo spirito educativo e formativo, offrendosi anche alle famiglie, al quartiere, alla città…

Seppur, intimamente, ciascuno dei Soci Fondatori sognasse una struttura fortemente ispirata all’estensione delle già ben collaudate e riconosciute “virtù formative” della nostra Scuola, nessuno di loro, in quel momento, poteva immaginare come – e, soprattutto, quanto – questa neonata Associazione avrebbe in seguito ottenuto risultati straordinari, come vedremo a breve.

La scelta di fondare la nuova Associazione fu, naturalmente, un’intuizione formidabile, ma la individuazione della persona destinata a prenderne le redini – la prof.ssa Mariella Malaspina – fu certamente una mossa a dir poco geniale: non solo per la capacità organizzativa, per la preparazione culturale, per la coerenza vissuta con i principi fondamentali, per l’esperienza professionale, ma anche, e soprattutto, per la dedizione completa e disinteressata, per la convinzione e per la sensibilità e l’attenzione a tutto ciò che potesse avere a che fare con lo spirito e le finalità dell’Associazione.

A tutto questo va aggiunto il suo “vulcanico” estro creativo, la sua tenacia e la pazienza infinita.

Da qui, possiamo “dare i numeri”: nel corso di questi primi vent’anni si è arrivati ad offrire circa un’ottantina di iniziative all’anno, tra le più disparate:
corsi di studio assistito, corsi di chitarra e di pianoforte, di lingue straniere (anche lingua cinese ed araba)…
e poi: laboratori teatrali…
e poi: camp estivi a fine anno scolastico…
e poi: corsi di primo soccorso, di scacchi, di cucina…
e poi: concerti, visite guidate a mostre ed eventi, teatri, lirica e balletti…
e poi: escursioni brevi (fino a tre giorni) con visite guidate in varie città…
e poi: viaggi e soggiorni in Europa e oltre (Oman, Uzbekistan, Giordania, Etiopia)…
e poi: pellegrinaggi vari (Israele…)
e poi…, e poi…, e poi…
e tutto questo, coinvolgendo, mediamente, tra le 4.000 e le 5.000 persone all’anno.

Non male, vero?

Il tutto senza fini di lucro e, al contrario, riuscendo anche a destinare qualche sostegno concreto a varie Istituzioni che ne avessero necessità (Scuola in India, Liceo di Scutari, Mamme per le Missioni, ecc. ecc.).

Grazie, Associazione Culturale!

L’augurio che mi sento di fare, in occasione dei tuoi venti anni, è di proseguire su questi ritmi per i prossimi cento, con la stessa determinazione e convinzione…

Carlo Strati

Cascate del Nilo Azzurro in Etiopia